1. BENETEAU
  2. ML Yacht Design Group

ML Yacht Design Group

"La cultura della regata offshore è molto radicata nel nostro studio e la mettiamo al servizio delle barche a vela da crociera di serie"

La cultura della regata offshore

Vero direttore d'orchestra a capo di un team di dieci persone, tra cui il suo socio Eric Levet (architetto navale e fantastico progettista), Lucien Wohler (studio di stabilità) e Lionnel Huetz (laureato in idrodinamica), Marc Lombard ha creato il suo studio di architettura navale a La Rochelle nel 1982. Appassionato di navigazione con equipaggio fin dalla sua giovinezza a Parigi, si è diplomato alla scuola di Southampton e poi ha solcato i mari con navigazione diretta assieme a Mike Birch nel 1978, dopo che quest'ultimo aveva vinto la Rotta del Rhum sul suo piccolo trimarano giallo firmato Walter Green. Birch gli offre uno stage di fine studi nel cantiere americano: un'incredibile occasione ed un'esperienza che forgerà le competenze di Marc Lombard fino a quando, nel 1982, decide di mettersi in proprio per costruire barche da regata.

Ho seguito le partenze dell'Ostar, ho frequentato molti concorrenti, ho sgobbato per 25 anni su barche da regata dal 1982 al 2005

spiega Marc che ha messo la firma, tra l'altro, su Ker Cadelac, Crédit agricole IV, Banque Populaire, Sill, Veolia, Whirlpool. Un'attività che oggi continua parallelamente a quella dei progetti di molte navi da crociera

 

L'estetica e il design sono sempre legati alla funzione      

Scafo ampio con sentina, cavallino invertito, buttafuori, lo zampino di Marc Lombard si riconosce distintamente. « Una nave da crociera deve essere coerente e capace di essere piacevole in mare. Ma deve anche essere bella e attraente. La nostra visione dell'estetica è un effetto globale della distribuzione del volume ed è sempre legata alla funzione » Marc Lombard. Il successo è immediato e duraturo. Lo studio progetta molte fortunate barche di serie per rinomati cantieri navali tra cui il Groupe Bénéteau.

« Ci piacciono le barche che avanzano veloci, che hanno una personalità. La barca che più ci rappresenta è la Figaro 2. Una super imbarcazione anche se non ne ha l'aria, ma che resta intramontabile, indistruttibile...» afferma l'architetto sessantaduenne, costantemente aperto mettersi in gioco nei campi più disparati (nave cargo a vela, nave passeggeri veloce con portanza aerodinamica, regata, crociera). Uno studio di architettura navale essenziale per la ricchezza della sua produzione di progetti da ormai quasi 40 anni!

DESIGN